Fare ambiente: La Scala dei Turchi non va privatizzata.

20140720_122010RACCOLTE PIU’DI 1000 FIRME Il Movimento Ecologista “FAREAMBIENTE”, delegazione di Agrigento, ha organizzato domenica 6 settembre c.a. una raccolta di firme, oltre un migliaio, contro l’eventuale possibilità di privatizzazione del costone marnoso della Scala dei Turchi. Oltre i numerosi aderenti e simpatizzanti del Movimento, coordinati dal rappresentante provinciale Salvo Iacono e dal delegato per il Comune di Realmonte , Tony Sciarrone, hanno partecipato con enorme entusiasmo i sottoscrittori della protesta, in gran parte turisti che sono rimasti sbalorditi da una simile notizia, considerando Punta Majata (e questo il suo vero nome) un “monumento della natura” e manifestando la loro contrarietà ad una eventuale privatizzazione o di una qualsiasi forma di intervento, anche di recinzione, che determinerebbe una trasformazione del sito anche dal punto di vista dell’impatto visivo. Occorre ricordare che con Decisione n.2015/74 del 3 dicembre 2014, la Scala dei Turchi è stata inserita dalla Comunità Europea tra i siti di interesse comunitario (SIC) con codice ITA040015, qualsiasi attività è assoggettata alle tutele della “Direttiva Habitat”. Il Movimento ha predisposto una nota che è stata inviata a tutte le istituzioni competenti al fine di attenzionare il rispetto della normativa vigente in materia di Aree Protette – Rete Natura 2000, auspicando la stesura di un piano di gestione del sito.

Precedente Acqua Pubblica Realmonte. Successivo Realmonte approvato il bilancio previsionale 2015.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.